Blog: http://marika.ilcannocchiale.it

Alla Camera scontro su arresto Papa, si vota a scrutinio segreto

Responsabili hanno fatto richiesta. Berlusconi: fermare escalation di arresti. Bersani alla Lega: dimostrate che non lo salverete

Alla Camera scontro su arresto Papa, si vota a scrutinio segreto
Roma, 20 lug. (TMNews) - La votazione sulla richiesta di arresto per Alfonso Papa avverrà a scrutinio segreto. Il presidente dei deputati "responsabili", Silvano Moffa, ha infatti annunciato in Aula alla Camera di avere depositato la richiesta in presidenza. L'annuncio è stato accolto dalle proteste dei deputati dell'opposizione che hanno gridato: "Vergogna", "Lo state salvando".

"Dobbiamo fermare il rischio di una escalation di arresti", ha detto, secondo quanto viene riferito da più fonti, il presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, durante l'incontro con i coordinatori regionali. "Non voterò mai - avrebbe aggiunto - per mettere le manette a qualcuno".

In attesa della votazione il clima si fa sempre più incandescente. Lo scontro delle ultime ore è stato sulla scelta di ricorrere al voto segreto, con l'opposizione che accusa la Lega di avere deciso di "salvare" il parlamentare coinvolto nell'inchiesta sulla cosiddetta P4 in cambio del ritiro del contestato decreto sull'emergenza rifiuti a Napoli. Un "patto scellerato" siglato con il Pdl, hanno denunciato Pd, Terzo Polo e Idv in aula a Montecitorio. Quasi contemporaneamente si voterà per l'arresto del senatore Pd Tedesco.

A rivolgersi direttamente alla Lega - che nonostante i sì all'arresto alla fine lascerà libertà di voto - è stato il leader democratico Pier Luigi Bersani: ostacoli il voto segreto in Aula sull'autorizzazione all'arresto per Papa e dimostrerà che non c'è stato uno scambio con il rinvio in Commissione del dl rifiuti. Gli ha fatto eco il capogruppo Dario Franceschini: "Dovreste essere voi i primi a dire no al voto segreto che coprirà la vostra ipocrisia, un'ipocrisia che i padani non dimenticheranno. Non potete chiedere ai Responsabili di chiedere il voto segreto per coprire la vigliaccheria dei guerrieri padani".

A stretto giro di posta ha replicato il leghista Marco Reguzzoni, che guida i deputati: "E' il Pd che sta mettendo le mani avanti: vi preparate a un voto dei vostri parlamentari a scrutinio segreto" per evitare l'arresto di Alfonso Papa. "State mettendo le mani avanti - ha accusato Reguzzoni - dopo che siete stati colpiti dall'avviso di garanzia a Penati".

"Rivendichiamo il voto segreto in quest'Aula, perché è giusto che non ci sia un gioco cinico e politico ma è giusto che ogni deputato decida in coscienza", ha ribattuto il capogruppo del Pdl Fabrizio Cicchitto, dopo che il finiano Italo Bocchino - accompagnato da cori leghisti 'scemo, scemo' aveva bollato come "molto grave" la scelta di ricorrere al voto segreto, sfidando il Carrocio a sostenere il voto palese "affinchè ciascun deputato metta la faccia sul proprio voto". Mentre Italia dei valori ha fatto sapere che oggi in aula alla Camera i suoi deputati renderanno "fisicamente chiaro" il loro voto.

Pubblicato il 21/7/2011 alle 2.43 nella rubrica di tutto un po...(politica).

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web